5 per mille
Cara amica, caro amico,

Anche quest'anno puoi sostenere l'Istituto Bruno Leoni destinandogli il 5 per mille della tua IRPEF. Basta inserire nella dichiarazione dei redditi, nella sezione dedicata al 5 per mille per il "Finanziamento della ricerca scientifica e dell'università", il nostro codice fiscale 97741100016 e la firma.

Nell'anno scolastico in corso, il programma "IBL nelle scuole", che offre a licei e istituti tecnici le sue "prime lezioni di economia", ha raggiunto più di 4.000 alunni. Nel 2016 IBL ha pubblicato: 16 libri e 17 papers, 245 articoli scritti sulla stampa nazionale (cui si aggiungono quelli in cui si dà conto dei nostri studi e delle nostre ricerche), e organizzato 85 seminari e convegni.

Come ogni anno, abbiamo fatto il punto sullo stato della concorrenza con il nostro Indice delle liberalizzazioni. Abbiamo seguito puntualmente l'andamento di finanza pubblica e (mancate) riforme con il nostro SuperIndice. Abbiamo cominciato un lavoro di mappatura del libero scambio internazionale, oggi sotto attacco, con l'Indice delle globalizzazione.

Ma, e questo è quel che più conta, nessuna di queste cose rappresenta, per IBL, un momento di riflessione isolato: una iniziativa autonoma. Che sia Deirdre McCloskey a ricevere il Premio Bruno Leoni, il giudice Frank H. Easterbrook a tenere il Discorso Bruno Leoni o Richard E. Wagner, storico co-autore del Nobel Jim Buchanan, a parlare alla Lectio Minghetti, l'attività dell'Istituto non è che la costante e paziente tessitura di una tela: la tela delle buone idee per il libero mercato, dei buoni argomenti a favore della società libera.

Sai quanto ce n'è bisogno, specialmente in momenti come quello in cui stiamo vivendo, dove l'approssimazione di classi dirigenti inette rafforza giorno dopo giorno la posizione di chi propone soluzioni semplicistiche e liberticide, di quelle che speravamo, finito il Novecento, di non sentire mai più.

Aiutaci ad opporci alla corrente, a ricostruire una società più consapevole del valore della libertà.

È un lavoro lungo e complicato. Per questo, ti sono grato se vorrai destinarci il 5 per mille della tua IRPEF: nella dichiarazione dei redditi, nella sezione dedicata al 5 per mille per il "Finanziamento della ricerca scientifica e dell'università", inserisci il nostro codice fiscale 97741100016.

Grazie

Alberto Mingardi
Direttore Generale
istituto Bruno Leoni
Donazioni
L'Istituto Bruno Leoni vive solo grazie al contributo volontario di chi ci sostiene. Aiutaci anche tu a mantenere la presenza di una voce autenticamente liberale nel panorama politico e intellettuale italiano. Ogni donazione è benvenuta: e contribuirà ad alimentare la ricerca e la presenza pubblica dell'Istituto Bruno Leoni.

Le donazioni sono detraibili nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui

Importante
Al fine di permetterci di ringraziarvi e per potervi inviare una ricevuta dell’avvenuta donazione, vi preghiamo di specificare in ogni caso il vostro nome e cognome, indirizzo, Codice Fiscale e indirizzo e-mail scrivendo a vera.costantino@brunoleoni.org.

PAYPAL
Puoi effettuare una donazione servendoti del bottone PayPal che trovi in basso, un metodo rapido e sicuro per effettuare pagamenti online. Non è necessario aprire un account PayPal: puoi servirti direttamente della tua carta di credito (seguendo le istruzioni presenti sul sito PayPal).


BONIFICO BANCARIO
Puoi inoltre effettuare una donazione con bonifico a favore di
Istituto Bruno Leoni – Fondazione
Piazza Cavour 3 - 10123 Torino
C.F. 97741100016
c/o Unicredit SpA - Ag. Torino XX Settembre
IBAN: IT86W0200801046000101402923
BIC: UNCRITM1BD4


IL MIO DONO
Da oggi puoi sostenere le iniziative IBL anche tramite il sistema "Il mio dono" di Unicredit. Clicca qui, oppure sul badge in fondo alla pagina.


5 PER MILLE
Infine, è possibile sostenere l’Istituto Bruno Leoni donando il “5 per mille” alla Fondazione Istituto Bruno Leoni al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi annuale: codice fiscale 97741100016, riquadro "finanziamento della ricerca scientifica e dell'università”.



Senza libertà economica, non può esserci piena libertà, né ritorno alla crescita e alla prosperità. Finché le persone non ne comprendono appieno il valore, la libertà economica rimarrà sempre fragile. L’Istituto Bruno Leoni contribuisce, speriamo, a renderla un po’ più robusta, giorno dopo giorno.
Dai il tuo contributo
Il mio Dono