BP 2. Nucleare: aprire il mercato per fronteggiare i blackout

L'energia nucleare è pulita ed efficiente. Ma perché possa trovare spazio all'interno di un vero mercato e confrontarsi con le altre risorse in una serena competizione, è necessario tagliare il nodo gordiano della regolamentazione.


12 Febbraio 2004

Argomenti / Ambiente e Energia , Diritto e Regolamentazione

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

Dal referendum anti-nucleare del 1987, sembra che l’opinione pubblica sia cambiata. Sono 19 le nazioni che devono all’atomo oltre il 20% del proprio fabbisogno energetico. L’Italia importa dall’estero più del 15% dell’energia che consuma. L’energia nucleare è “pulita”, cioè non produce emissioni inquinanti. Il problema delle scorie è facilmente risolubile dal punto di vista tecnico. Le riserve note di uranio e torio sono sufficienti a soddisfare le richieste dei prossimi 160 anni. Gli impianti hanno ormai raggiunto un notevole grado di sicurezza sanitaria e ambientale. Solo il mercato può dire se l’energia nucleare è efficiente da un punto di vista economico. Bandire l’atomo è irrazionale e ipocrita. L’Italia ha bisogno di un’urgente liberalizzazione del mercato dell’energia.

BP 2. Nucleare: aprire il mercato per fronteggiare i blackout

Nucleare: aprire il mercato per fronteggiare i blackout condividi con questo commento
L'energia nucleare è pulita ed efficiente e la sua regolamentazione ha un alto costo-opportunità condividi con questo commento
Nuclear energy for Italy: a clean and efficient solution condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni