BP 1. Il protocollo di Kyoto: la risposta sbagliata a un problema che non c'è

Strumenti quali il protocollo di Kyoto mirano a 'controllare il clima' limitando la crescita economica. Ma la libertà individuale è l'unica via per adattarsi ai cambiamenti.


12 Febbraio 2004

Argomenti / Ambiente e Energia , Diritto e Regolamentazione

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

Il Protocollo di Kyoto impone di ridurre entro il 2008-2012 le emissioni di gas serra del 5% rispetto al 1990. Vi sono numerosi dubbi sull’attendibilità della serie storica relativa alla temperatura, e sul rapporto tra le attività umane e il riscaldamento globale. Se i Paesi elencati nell’Annex I del Protocollo accettassero appieno le richieste e le mettessero in atto, il riscaldamento sarebbe mitigato in quantità minima: pari a circa il 3- 10% nell’arco d’un secolo. La Francia e l’Italia saranno i Paesi europei a dover sostenere spese maggiori a causa del Protocollo. I consumatori assisteranno a un aumento del costo della vita. Kyoto avrebbe costi molto superiori ai benefici attesi.

BP 1. Il protocollo di Kyoto: la risposta sbagliata a un problema che non c'è

Il protocollo di Kyoto: la risposta sbagliata a un problema che non c'è condividi con questo commento
Protocollo di Kyoto: Italia e Francia le più penalizzate condividi con questo commento
The Kyoto Protocol: the wrong answer to a problem that may not exist condividi con questo commento
oggi, 21 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni