2021 pp 324
    ISBN: 978-88-6440-462-2
    20 €
    aggiungi al carrello
      acquista in uno dei seguenti store online:
      amazon kindle
      book republic
      itunes_store
      google play
      Ricchi! Borghesi! Ancora pochi mesi!
      Come e perché condanniamo chi ha i soldi
      Rainer Zitelmann
      “Alla nascita gli hanno amputato l’etica”. Così viene descritto Gordon Gekko nel celebre Wall Street. Nei film e nelle serie televisive, le persone ricche sono spesso rappresentate in maniera negativa: ciniche, avide e senza cuore. Ma come sono invece nella realtà e soprattutto cosa pensa veramente la gente di loro?
      Se molti libri sono stati scritti sugli stereotipi che riguardano minoranze e specifici gruppi sociali, nessuno studio approfondito è però mai stato compiuto sui pregiudizi verso le persone facoltose. In questo libro Rainer Zitelmann esamina per la prima volta in maniera comparata gli atteggiamenti nei confronti della ricchezza e dei ricchi in cinque paesi occidentali: Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Stati Uniti. Dalle risposte date nei sondaggi emergono interessanti discrepanze tra i paesi, ma alcune differenze si trovano anche all’interno dei paesi stessi, considerati l’età, il genere, il reddito o il livello d’istruzione delle persone che hanno partecipato all’indagine. Nel libro viene inoltre sviluppato un Indice dell’invidia sociale che denota come molti pregiudizi nascano anche da un’errata percezione delle dinamiche economiche e da un diffuso sentimento anticapitalista.

      Rainer Zitelmann è uno storico e sociologo tedesco. Dopo avere svolto attività di ricerca presso la Libera Università di Berlino, ha lavorato nell’editoria e per uno dei principali quotidiani del suo paese (Die Welt), per poi fondare una società di pubbliche relazioni di successo. È autore di ventitré libri, tra cui “La forza del capitalismo” (IBL Libri, 2020).


      Rassegna stampa:

      22 novembre 2021 - Alberto Mingardi, Invidia, la ricchezza fa scandalo, L'Economia - Corriere della Sera