2012 pp 214
    ISBN: 978-88-6440-084-6
    22.00 €
    aggiungi al carrello
      acquista in uno dei seguenti store online:
      amazon kindle
      ebooksitalia
      book republic
      google play
      La città rende liberi
      Riformare le istituzioni locali
      Stefano Moroni (a cura di)
      Questo libro si chiede come aumentare in modo più significativo la libertà urbana, restituendo alla città un suo fondamentale elemento costitutivo. Ciò può avvenire riscoprendo prima di tutto un’idea diversa e liberale di diritto, che consenta il più ampio pluralismo, una vera concorrenza e la sperimentazione continua

      La libertà – ossia la possibilità di perseguire la propria idea di vita buona, usando a tal fine i propri talenti, capacità e risorse – è un tratto fondamentale della storia della città; nei tempi passati, la gente si è spostata dalle campagne alle città anche per poter godere di una maggiore libertà di comportamento e di azione. Oltre ad essere un diritto imprescindibile di ogni singolo individuo, la libertà è sempre stata anche un efficace motore di benessere e sviluppo urbano. Purtroppo le nostre città novecentesche hanno subito una drastica riduzione delle libertà individuali a seguito dell’introduzione di forme di pianificazione urbanistica fortemente vincolistiche e regolamenti sempre più invasivi per ogni tipo di edificio e attività urbana, e come conseguenza dell’istituzione di un forte monopolio pubblico nella fornitura di gran parte delle infrastrutture e dei servizi. La situazione è solo marginalmente mutata in tempi recenti. Questo libro si chiede come aumentare in modo più significativo la libertà urbana, restituendo alla città un suo fondamentale elemento costitutivo. Ciò può avvenire riscoprendo prima di tutto un’idea diversa e liberale di diritto, che consenta il più ampio pluralismo, una vera concorrenza e la sperimentazione continua. 
       
      Stefano Moroni insegna etica ambientale e diritto urbanistico presso il Politecnico di Milano. Tra le sue pubblicazioni si ricordano: L’ordine sociale spontaneo (Torino, 2005); La città del liberalismo attivo (Torino, 2007); e, come coautore, Libertà e istituzioni nella città volontaria (Milano, 2008).