Ciclo di seminari sulle “Lezioni di dottrina dello Stato” di Bruno Leoni

La riflessione di Bruno Leoni (1913-1967) ha sempre avuto due poli: quello della libertà, da un lato, e quello del potere, dall’altro. E tali filoni di ricerca hanno trovato espressione anche nei corsi che egli per anni ha tenuto nell’ateneo pavese, dove a lungo ha insegnato Filosofia del diritto e Dottrina dello Stato.

Il seminario “Ripensare la politica con Bruno Leoni” che nel mese di maggio l’Istituto Bruno Leoni organizza in occasione del cinquantesimo anniversario della scomparsa dello studioso liberale intende allora richiamare l’attenzione sulle sue pagine consacrate allo Stato e, più in generale, al potere. A questo scopo saranno lette e commentate le Lezioni di dottrina dello Stato (Rubbettino, 2004, a cura di Raffaele De Mucci e Lorenzo Infantino), nate dagli appunti del corso che Leoni teneva a Pavia negli anni Cinquanta e che furono raccolti da due allieve: Franca Boschis e Gabriella Spagna.

Da queste pagine viene alla luce il Leoni “scienziato della politica” e maestro, tra gli altri, di Mario Stoppino. Un Leoni che ha ben presente le riflessioni dei maggiori giuristi in tema di diritto pubblico (Georg Jellinek, ad esempio), ma che al tempo stesso segue con interesse il rinnovamento della scienza della politica (Duncan Black, tra gli altri) e le opere pionieristiche di quegli economisti che proprio in quegli anni stanno ponendo le basi per quella che diverrà la Public Choice School.

Le analisi di Leoni consacrate alla politica aiutano a cogliere come questo studioso si proponesse di realizzare una “teoria integrata” delle scienze sociali, capace di leggere l’economia, il diritto e la politica a partire dalle interazioni individuali e dallo scambio (di beni, pretese e poteri).

Viene così alla luce come in Leoni la dimensione statuale non assorba in sé tutta la sfera politica, perché allo “Stato” quale apparato coercitivo (il cui effetto, a suo parere, è sempre disproduttivo) egli contrappone lo “stato” quale situazione sociale e istituzionale, non necessariamente basata sull’aggressione e sulla violenza.

Il seminario “Ripensare la politica insieme a Bruno Leoni” prende allora in esame gli undici capitoli delle Lezioni nel corso di quattro incontri:

9 maggio 2017, ore 18:00
La dottrina dello Stato di Leoni come critica al formalismo
Intervengono: Agostino Carrino (Universita` di Napoli) e Lorenzo Infantino (Luiss Guido Carli.)

16 maggio 2017, ore 18:00

Pensare e nominare il potere e lo Stato moderno
Intervengono: Giovanni Giorgini (Universita` di Bologna) e Nicola Iannello (Istituto Bruno Leoni)

23 maggio 2017, ore 17:00
Il potere tra societa` e istituzioni
Intervengono: Raimondo Cubeddu (Universita` di Pisa) e Luigi Curini (Universita` di Milano)

30 maggio 2017, ore 18:00
Bruno Leoni e una teoria integrata di diritto, economia e politica
Intervengono: Raffaele De Mucci (Luiss Guido Carli) e Carlo Lottieri (Universita` di Siena e IBL)