Sette anni bellissimi

Dopo il first best (Mario Draghi) c'è lui (Sergio Mattarella). Buone notizie sul futuro

1 Febbraio 2022

Il Foglio

Franco Debenedetti

Presidente, Fondazione IBL

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Adesso il peggio sarebbe quello di dare al secondo mandato a Mattarella un significato negativo, di remedium peccatorum degli altri. Bisogna invece coglierne il significato positivo, di unanime approvazione di quello che, del tormentato settennato che gli è toccato in sorte, è stata la sua scelta più significativa: quella di Draghi a capo del governo.

A Draghi è riuscito di non finire nel tritacarne in cui la politica ha sacrificato i suoi beniamini. Egli ne esce quindi doppiamente rafforzato: implicitamente dal plebiscito per il suo dante causa, ed esplicitamente dalla motivazione (pelosa) adottata da chi ne ha ostacolato la nomina, quella della ineludibile, preminente necessità che continuasse a fare il suo lavoro a Palazzo Chigi.

Ancor più dopo quel che è successo, la garanzia offerta dal suo riconosciuto prestigio è diventata imprescindibile: aggiungi la batosta che han preso “i politici” , ed è chiaro che gli sarà più facile imporre una politica di fermo controllo la spesa pubblica e di lotta contro le resistenze degli interessi corporativi organizzati. Dovrà mettere in atto le riforme (io spero che metta al primo posto quella della scuola, perché non sia più quell’istituzione che rifiuta sia di valutare sia di essere valutata); riforme indispensabili perché quelli contratti con il Pnrr siano debiti buoni e non cattivi, per usare le parole dello stesso Draghi. Ha tempo fino al 2023, perché allora si voterà.

Che parlamento uscirà dalle urne? Difficile che dalla attuale frammentazione dei partiti esca una maggioranza coesa, difficile che dalla sconfitta dei generali esca qualche soldato col bastone da maresciallo: probabile che la situazione sia non tanto diversa dall’attuale. E’ quindi possibile che si verifichino ancora le circostanze perché Mattarella debba essere lui a dover risolvere il problema, e chieda a Draghi di governare un’altra volta, che potrebbe anche durare cinque anni. In tal caso non darei per scontato che Draghi accetti. E allora? La soluzione c’è, qualcuno l’aveva addirittura indicata come il “first best”. Ma non voglio essere io a scriverla in italiano. Non oggi.

da Il Foglio, 30 gennaio 2022

oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni