Se le leggi non reagiscono al vaccino

Il green pass è un mezzo e non un fine, altrimenti si fa il gioco dei no vax

27 Settembre 2021

Linkiesta

Argomenti / Teoria e scienze sociali

In una pandemia navighiamo a vista e per questo, basandosi su dati certi, bisogna essere pronti a continue correzioni di rotta nell’applicazione delle misure di contenimento. 

Distinguere i mezzi dai fini, in politica, è più complicato di quanto sembri. Le persone ragionevoli non possono non convenire sulla necessità di vaccinare contro il Covid-19 quante più persone possibile.

Perché, così tante persone persistono nell’irragionevolezza, malgrado i numeri dicano che vaccinarsi è infinitamente meno rischioso che ammalarsi di Covid-19 (secondo il database UK i vaccini hanno impedito 25 milioni di infezioni e oltre 100mila morti, a fronte di quattro o cinque casi di disturbi lievi ogni 1.000 dosi)?

La spiegazione è che la nostra percezione spontanea dei rischi risale – ebbene sì – a quando eravamo cacciatori-raccoglitori ed era vantaggioso sovrastimare rischi poco probabili (per esempio, oggi i danni da vaccino o un incidente aereo) e sottostimare quelli molto probabili (per esempio, ammalarsi di Covid-19 o un incidente automobilistico).

continua a leggere su Linkiesta

oggi, 13 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni