Si gioca il futuro politico Ue

Il nuovo Patto di stabilità non può nascere da un compromesso purchessia. Intervista a Nicola Rossi


6 Dicembre 2023

Italia Oggi

Alessandra Ricciardi

Argomenti / Politiche pubbliche

«In gioco c’è il futuro politico di molti. In gioco c’è soprattutto il futuro dell’Unione europea che sembra non capire che restare nell’attuale situazione di stallo senza darsi una prospettiva politica è ormai insostenibile».

Così Nicola Rossi, economista dell’Università Tor Vergata, componente del cda dell’Istituto Bruno Leoni, già parlamentare del Pd, che analizza con Italia Oggi la partita che si sta giocando sul nuovo Patto di stabilità. «Temo che l’ansia di pervenire ad un compromesso purchessia», dice Rossi, «possa generare un sistema di regole in cui convivranno logiche diverse. La premessa per inevitabili deroghe, per trattamenti differenziati, per contenziosi fra la Commissione ed i paesi membri, per prove di forza interne all’Unione.

Esattamente ciò che in questo momento non ci serve». Sarebbe opportuno a questo punto evitare prove muscolari, rinviando, propone Rossi, «ogni discussione sul tema ad un momento successivo alle prossime elezioni europee e lasciare che sia la nuova Commissione ad avanzare in tempi molto brevi una sua proposta. Intanto si potrebbe definire un periodo transitorio per il 2024».

continua a leggere sul sito di Italia Oggi

oggi, 22 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni