Ricordare Luigi Einaudi come pensatore politico

Per commemorare l'ex presidente della Repubblica l'Istituto Bruno Leoni pubblica un'antologia dei suoi scritti politici

1 Novembre 2021

Linkiesta

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Per commemorare i sessant’anni dalla scomparsa di Luigi Einaudi (1874-1961) l’Istituto Bruno Leoni ha pubblicato un’antologia, a cura di Alberto Giordano, che raccoglie una selezione sintetica ma completa degli scritti politici dell’economista e statista piemontese. Pubblichiamo di seguito un brano tratto dal saggio introduttivo di Alberto Giordano a “Luigi Einaudi e la politica” (IBL Libri, 2021, 156 pp., 12 euro).

***

Il 30 ottobre 1961 si spegneva Luigi Einaudi. Solitamente siamo abituati a ricordarlo e celebrarlo nella duplice veste di economista e uomo delle istituzioni; talvolta qualcuno rievoca la sua lunga collaborazione ai principali quotidiani italiani mentre in altri casi, sebbene non troppo spesso, se ne rammenta l’impegno europeista. Ma quasi mai ci viene presentato come uno dei più originali pensatori politici che il nostro Paese abbia potuto vantare. Eppure la riflessione politica ha accompagnato, e spesso segnato, tutte le fasi della sua vita, privata e professionale. Il che contribuisce pure a rendere maggiormente comprensibile l’eco suscitata a livello globale dalla sua scomparsa, e non solo all’interno della galassia liberale cui appartenne.

continua a leggere su Linkiesta

oggi, 18 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni