Università tradizionali e telematiche. Perché una guerra non ha senso

Università tradizionali e telematiche rappresentano modelli diversi ma complementari.


11 Aprile 2024

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

Luigi Marco Bassani

Professore ordinario di Storia delle dottrine politiche, Università Telematica Pegaso

scarica la ricerca integrale

Il problema non è promuovere le une a spese delle altre ma ridurre i vincoli che ingabbiano la formazione terziaria nel nostro paese, sia in presenza che a distanza.

Le università telematiche si rivolgono a un pubblico diverso da quello degli atenei in presenza, composto in gran parte di studenti lavoratori o residenti nelle aree meno dinamiche. Lo confermano l’età degli studenti (l’80 per cento dei laureati delle tradizionali ha 23 anni contro il 20 per cento delle telematiche) e la regione di provenienza (oltre la metà degli iscritti alle telematiche risiede nel Mezzogiorno). Per questo, imporre vincoli eccessivamente stringenti – per esempio in relazione alle lezioni in streaming anziché asincrone – rischia di privare queste persone di un’opportunità.

Nel conflitto tra le università statali (in presenza) e quelle private (online) si sono spesso evocate le qualità e le debolezze dell’una e dell’altra forma di erogazione degli insegnamenti. Sul tema ovviamente, si potrebbe discutere a lungo, perché se da un lato è vero che nel rapporto interpersonale e dialogico tra il docente e il discente c’è qualcosa di irripetibile, è egualmente vero che le lezioni registrate impongono al professore una cura diversa della lezione e una speciale attenzione alla didattica. Ci si può azzardare a prevedere che tutti un po’ alla volta prenderanno atto che oggi disponiamo di modalità didattiche concorrenti e complementari, e che è assurdo evitare ogni progettazione ibrida e ogni tentativo di prendere il meglio dell’una e dell’altra didattica.

Università tradizionali e telematiche. Perché una guerra non ha senso

Le università telematiche intercettano una domanda di studenti lavoratori e residenti nel Mezzogiorno che le università tradizionali non riescono a soddisfare condividi con questo commento
Le università telematiche hanno oggi 250 mila studenti (il 13 per cento del totale) in continua crescita: sono un importante strumento di formazione terziaria nel paese condividi con questo commento
Il 60 per cento degli studenti delle università telematiche ha oltre 28 anni e più della metà risiede nel Mezzogiorno condividi con questo commento
oggi, 21 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni