Un ritorno alla pianificazione sovietica per il turismo

Note critiche al Piano strategico di Sviluppo del Turismo 2017-2022


11 Dicembre 2017

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Carlo Amenta

Direttore Osservatorio economia digitale

scarica la ricerca integrale

Il 4 dicembre è stato pubblicato il secondo bando di gara del progetto “Valore Paese-Cammini e Percorsi”, col quale verranno assegnati in concessione 48 immobili pubblici situati su percorsi ciclopedonali e tracciati storico-religiosi italiani. Il progetto è in diretta relazione col Piano strategico di Sviluppo del Turismo (PST) 2017-2022 elaborato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali del Turismo, un piano pluriennale di chiara ispirazione dirigista e centralista che ricorda, quantomeno nella durata, i piani di sviluppo delle economie pianificate.

La critica di fondo sul Piano va mossa nei confronti del metodo adottato, che sembra rispondere ad un concetto antico e stantio di “politica industriale” da estendere al settore del turismo. Nel Piano del MIBACT c’è un grande assente, il consumatore, mentre a proposito di quelli che sono stati i veri innovatori del settore (Airbnb, Booking ed Expedia) l’unica azione suggerita sembra essere quella di regolamentarli. In perfetto stile sovietico, pare si miri più ad educare il turista a come debba comportarsi per essere bravo, equo e sostenibile piuttosto che a soddisfarne le esigenze ed invogliarlo a visitare il nostro Paese spendendo il proprio denaro. In definitiva, si tratta di un piano vecchio, figlio di una cultura che continua a voler selezionare vincitori e vinti, creando nuove rendite di posizione e qualche programma di spesa mirato.

Un ritorno alla pianificazione sovietica per il turismo

L’Italia è tra le prime nazioni al mondo per numero di turisti e per loro spesa, ma per l'OCSE è un Paese dalle forti potenzialità non espresse, principalmente per problemi relativi al divario tra regioni del Nord e del Sud d’Italia condividi con questo commento
Ciò che serve al turismo è ciò che serve anche all’intero Paese: infrastrutture, città con servizi efficienti, liberalizzazione nel settore dei trasporti, orari coerenti con la domanda, più investimenti e apertura ai privati condividi con questo commento
Il turismo non ha bisogno di pomposi piani strategici, ma di uno Stato meno invasivo condividi con questo commento
oggi, 18 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni