Special Report – Stacco matto ai carburanti?

I prezzi dei carburanti in Italia sono sopra la media europea a causa delle inefficienze nella struttura della rete. Se la quota di mercato della Gdo raggiungesse il 10 per cento, come in Germania, il risparmio conseguibile è stimabile nell’ordine dei 190 milioni di euro.


10 Novembre 2010

Argomenti / Ambiente e Energia , Diritto e Regolamentazione

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

È nelle inefficienze nella struttura della rete italiana la causa degli elevati prezzi dei carburanti. Questo studio monitora i prezzi dei carburanti nel primo semestre 2010 presso 8 impianti aperti da ipermercati e negli impianti circostanti. Sia per la benzina che per il gasolio la GDO pratica prezzi significativamente inferiori, portando ad una progressiva convergenza dei margini degli impianti tradizionali limitrofi all’impianto della GDO verso il livello di quest’ultima, mettendo sotto pressione gli impianti tradizionali circostanti.

La riduzione delle barriere all’ingresso mette in moto un processo realmente competitivo, che, se venisse accoppiato con l’adeguamento delle caratteristiche della rete in termini di orario, penetrazione del self service e vendita di prodotti non-oil agli standard europei, potrebbe determinare un risparmio stimabile nell’ordine dei 190 milioni di euro.

Special Report – Stacco matto ai carburanti?

Perché il pieno in Italia costa di più che nel resto d'Europa? condividi con questo commento
Carburanti: la liberalizzazione della rete può far risparmiare fino a 190 mln di euro all'anno condividi con questo commento
Why gasoline costs so much in Italy condividi con questo commento
oggi, 20 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni