Special Report – La separazione delle reti ferroviarie

I paesi che hanno liberalizzato i trasporti ferroviari e separato proprietariamente l’infrastruttura dall’erogazione del servizio hanno visto crescere l’efficienza del servizio e aumentare i passeggeri.


14 Maggio 2012

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Ugo Arrigo

Vittorio Ferri

scarica la ricerca integrale

Paesi come Svezia e Gran Bretagna, che hanno proceduto alla separazione proprietaria tra rete e servizio al fine di rendere possibile dinamiche concorrenziali, hanno registrato un aumento del traffico sia passeggeri sia merci ed un trasferimento modale di circa 3 punti percentuali dalla gomma alla rotaia.

Questo studio smentisce molti luoghi comuni sulle liberalizzazioni ferroviarie. Infatti le riforme ferroviarie non hanno condotto ad un decremento occupazionale nei due Paesi, né tantomeno ad elevati incrementi tariffari o a un deterioramento della qualità e della sicurezza. La crescita del traffico e la conseguente riduzione del costo per passeggero rende il trasporto passeggeri finanziariamente autosufficiente, evidenziando come la sola rete debba affidarsi a trasferimenti pubblici netti.

Special Report – La separazione delle reti ferroviarie

La separazione delle reti ferroviarie. Insegnamenti per l’Italia dalle riforme di Svezia e UK condividi con questo commento
Ferrovie, l'Italia impari dagli esempi di successo: ecco come separare la rete condividi con questo commento
Railways: why Italy should learn from Sweden and UK condividi con questo commento
oggi, 12 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni