Special Report – Is the ETS still the best option? Why opting for a carbon tax

Il mercato europeo delle emissioni di CO2 non funziona e non può funzionare. Per ridurre le emissioni senza impedire il funzionamento del mercato, lo strumento più appropriato è quello della carbon tax


14 Maggio 2012

Argomenti / Ambiente e Energia

Stefano Clò

Emanuele Vendramin

scarica la ricerca integrale

L’Emissions Trading Scheme, nei suoi primi anni di vita (2005-2011), non appare essere stato in grado di indirizzare gli investimenti verso le tecnologie meno inquinanti, principalmente a causa dell’impossibilità di trasmettere un segnale di prezzo stabile nel tempo. In più esso ha creato costi burocratici e complessità politiche di cui l’Europa fatica a liberarsi. Al contrario, l’introduzione di una carbon tax avrebbe consentito di raggiungere risultati migliori, grazie al cambiamento del mix di combustibili che avrebbe generato.

La carbon tax ha il vantaggio di cancellare gli effetti distorsivi dell’ETS, tuttavia, per essere veramente efficace, dovrebbe essere anche uno strumento di semplificazione, non andando ad aggiungersi agli strumenti attualmente impiegati nell’ambito delle politiche climatiche, ma sostituendo tutto ciò che va dall’ETS ai sussidi alle fonti rinnovabili. Se utilizzata come strumento di riordino del sistema fiscale, una carbon tax può anche avere un effetto pro-crescita.

Special Report – Is the ETS still the best option? Why opting for a carbon tax

L’ETS non si è rivelato efficace nel ridurre le emissioni: meglio una carbon tax condividi con questo commento
Emissioni di CO2: una carbon tax è una soluzione preferibile all'ETS condividi con questo commento
Is the ETS still the best option? Why opting for a carbon tax condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni