Special Report – Il controllo dei prezzi sulle commissioni interbancarie

Il tetto massimo alle commissioni interbancarie sui pagamenti elettronici ha avuto effetti negativi negli USA. Sarà così anche in Europa?


8 Ottobre 2014

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Julian Morris

Todd J. Zywicki

Geoffrey A. Manne

scarica la ricerca integrale

Tra le iniziative legislative europee, è all’esame del Consiglio una proposta di regolamento per porre un tetto massimo alle commissioni interbancarie sui pagamenti elettronici. Un’analisi degli effetti di una misura simile già adottata negli Stati Uniti, mostra come essi siano ben lontani, se non opposti rispetto alle intenzioni del legislatore.

Le scienze sociali non dispongono di metodi sperimentali rigorosi, ma la storia e la comparazione internazionale possono fornire utili indicazioni sull’impatto di una determinata misura di policy. Il regolamento attualmente in discussione in Europa presuppone che i benefici derivanti dalla riduzione delle commissioni interbancarie si propaghino dalle banche agli esercenti e da questi ai consumatori, attraverso una riduzione generalizzata dei prezzi di vendita; ipotizza, inoltre, che ciò avvenga senza ripercussioni per i consumatori sull’altro versante del mercato – cioè, senza che le banche emittenti reagiscano in alcun modo al mutato scenario. L’analisi del caso americano, qui proposta, è utile a verificare la distanza tra gli obiettivi attesi e quelli verosimili.

Special Report – Il controllo dei prezzi sulle commissioni interbancarie

Il controllo dei prezzi sulle commissioni interbancarie condividi con questo commento
Negli USA, il cap alle commissioni interbancarie ha avuto effetti negativi. Perché replicarli? condividi con questo commento
Interchange fee regulation: good intentions and bad outcomes condividi con questo commento
oggi, 20 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni