Sette ragioni economiche per preferire i regali di Natale ai contanti

La teoria di Waldfogel è una di quelle costruzioni che ‘giustamente dànno all’economia una pessima nomea’


4 Febbraio 2016

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Massimiliano Trovato

scarica la ricerca integrale

Lo scambio dei doni a Natale non è una pratica economicamente efficiente, come più volte dimostrato in particolare dagli studi di Joel Waldfogel. Eppure, la tradizione dei regali prosegue, con la soddisfazione e per la gioia di tutti. E questo perché lo scambio di doni non è un programma di redistribuzione dei soldi, ma un uso che arricchisce le persone e i loro legami affettivi al di là della perdita secca di valore monetario.
La teoria della perdita secca presuppone che tutta l’utilità si possa tradurre in valori monetari: così non è e, se includiamo nell’analisi degli scambi natalizi i benefici non monetari, appare evidente che il postulato dell’inefficienza dei regali è figlio di un’interpretazione restrittiva e fuorviante dell’agire economico. La teoria di Waldfogel è una di quelle costruzioni che ‘giustamente dànno all’economia una pessima nomea’, secondo il giudizio del premio Nobel Angus Deaton.

Sette ragioni economiche per preferire i regali di Natale ai contanti

Regali & Sorrisi arricchiscono la nostra vita, in barba al homo oeconomicus https://www.youtube.com/watch?v=4f4Ve-fuuZQ condividi con questo commento
Non è possibile ingabbiare totalmente l’utilità in valori monetari condividi con questo commento
Scroogenomics? You should buy presents because it is Holiday! condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni