Servizio pubblico radiotelevisivo? Non è la Rai

La riforma renziana rischia di liberare la Rai da tanti partiti per consegnarla ad uno solo: quello di governo


20 Aprile 2015

Argomenti / Politiche pubbliche

Daniele Venanzi

scarica la ricerca integrale

A distanza di undici anni dalla legge Gasparri, il premier Renzi propone una nuova riforma della governance Rai, con l’obiettivo di liberare l’azienda dai partiti e riportare le trasmissioni a standard di qualità elevati.
Il Focus analizza il modello di governance proposto dal governo e ne fa oggetto di confronto con quelli adottati da due buoni esempi di servizio pubblico radiotelevisivo: la britannica BBC e la brasiliana TV Cultura. Con un CdA e un amministratore delegato emanazioni dirette dell’esecutivo e della maggioranza parlamentare che lo sostiene, la riforma renziana libererebbe la Rai da tanti partiti per consegnarla ad uno solo: quello di governo.
Con questo assetto, ben distante dai modelli considerati, la TV di Stato resta saldamente ancorata al potere politico, continuando a percepire i proventi del canone e, allo stesso tempo, ad operare da emittente commerciale, generando una grave distorsione del mercato.

Servizio pubblico radiotelevisivo? Non è la Rai

Servizio pubblico radiotelevisivo? Non è la Rai condividi con questo commento
La riforma della Rai la libera da tanti partiti per consegnarla a uno solo: quello al governo condividi con questo commento
The Italian State broadcaster can’t be freed from politics condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni