Se non per un profitto, perché mai?

È finita l'epoca dello shareholder capitalism? Ecco tutti i problemi di un approccio che non mette gli interessi dell'azionista al centro


L’obiettivo dell’impresa non può che essere quello del profitto, nel rispetto delle norme e di tutti i fattori che ne caratterizzano la buona gestione, inclusi quelli noti sotto l’acronimo ESG (Environmental, Social, Governance).

Non può che essere rimarcata l’importanza del profitto da intendersi quale fine ultimo di un’attività di impresa anche – e ancor più – sostenibile. Questa, in particolare, dovrà necessariamente essere gestita, anche al fine di una maggiore utilità economica, nel rispetto di determinati presidi esterni – quali i fattori ESG, che attengono quindi alla modalità, oltreché al fine, dell’attività in questione – posti a tutela degli interessi degli stakeholders. Tale tutela, tuttavia, deve ad oggi (e in futuro) essere predisposta non già attraverso formule “nebulose” e principi di difficile attuazione, bensì grazie al ricorso a un adeguato framework normativo e regolamentare innanzitutto in capo allo Stato e che, se realmente efficiente, sarebbe da solo in grado di evitare conseguenze (rectius: esternalità) negative per i terzi, a prescindere, così come deve essere, dal fatto che siano le società, per il tramite dei loro amministratori, a prendersene cura.

Se non per un profitto, perché mai?

È finita l'epoca dello shareholder capitalism? Ecco tutti i problemi di un approccio che non mette gli interessi dell'azionista al centro condividi con questo commento
I fattori ESG sono cruciali nella gestione di un'impresa ma non vanno intesi come fine dell'attività imprenditoriale condividi con questo commento
Alle imprese non servono formule nebulose ma regole chiare: vale anche per la responsabilità sociale condividi con questo commento
oggi, 21 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni