Report – Are Green Jobs Real Jobs? The Case of Italy

Le fonti rinnovabili non sono uno strumento efficiente per la creazione di posti di lavoro. Gli investimenti verdi possono avere conseguenze positive di natura ambientale, ma il ‘green deal’ è uno strumento inefficiente


20 Agosto 2010

Argomenti / Ambiente e Energia

Luciano Lavecchia

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

In media, ogni “green job” assorbe un quantità di risorse che, se investita in altri settori dell’economia, potrebbe generare in media 4,8 posti. Secondo lo studio qui introdotto, da qui al 2020, a seconda degli scenari, potrebbero essere creati tra circa 55 mila e circa 112 mila posti di lavoro grazie allo sviluppo delle fonti eolica e solare fotovoltaica. Tuttavia, per ottenere tale risultato dovrebbe essere mobilitata una massa di finanziamenti pari a circa 6 miliardi di euro all’anno nel 2020. Se le stesse risorse fossero lasciate al mercato, per ogni posto di lavoro “verde” potrebbero esserne creati mediamente 4,8 nell’economia in generale, o 6,9 nell’industria.

L’industria verde è ad alta intensità di capitale, non ad alta intensità di lavoro. Dunque gli investimenti verdi generano meno occupazione degli investimenti in altri settori dell’economia, facendo del “green deal’, nella misura in cui ha lo scopo di creare occupazione o agire come stimolo anticrisi, uno strumento inefficiente.

Report – Are Green Jobs Real Jobs? The Case of Italy

Per ogni green job si perdono 4,8 posti di lavoro convenzionali condividi con questo commento
Le fonti rinnovabili non sono uno strumento efficiente per la creazione di posti di lavoro condividi con questo commento
“Are Green Jobs Real Jobs? The Case of Italy” by @CarloStagnaro condividi con questo commento
oggi, 24 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni