Referendum giustizia: Le ragioni del Sì

Un pungolo affinché governo e parlamento prendano la giustizia davvero sul serio


Qual è il contenuto dei quesiti referendari sulla giustizia e perché bisogna augurarsi la vittoria dei Sì?

Il Focus ricostruisce i contenuti dei quesiti – relativi alla riforma del Csm, la valutazione dei magistrati, la separazione delle carriere, i limiti agli abusi della custodia cautelare e la legge Severino – e spiega quali sarebbero le conseguenze di un’eventuale vittoria dei sì. I quesiti si sovrappongono in parte alla riforma Cartabia: il parlamento, dunque, una volta approvati i referendum, potrebbe o decidere di farsi carico del loro esito e modificare la riforma Cartabia in modo corrispondente o proseguire con l’approvazione della riforma così com’è, con il rischio che i promotori del referendum azionino un contenzioso. Si potrebbe obiettare che, a questo punto, votare rischia di essere inutile, ma non è assolutamente così.

A dispetto delle intenzioni riformiste della Ministra Cartabia, è ben possibile che – in seguito alle modifiche parlamentari – la sua proposta di riforma venga annacquata o che addirittura il Governo lasci cadere il disegno di legge delega o traduca in norme precettive solo una parte della delega. Quindi, una vittoria dei sì – in particolare nei primi quattro quesiti, relativi al funzionamento della giustizia – può rappresentare sia un pungolo affinché Parlamento e Governo proseguano sulla via della riforma, sia un ‘paracadute’ nel caso in cui essa dovesse, per qualunque ragione, interrompersi.

Referendum giustizia: Le ragioni del Sì

Referendum giustizia: le ragioni del sì in un Focus su Csm, valutazione magistrati, separazione carriere, custodia cautelare e legge Severino condividi con questo commento
I quesiti referendari, se accolti, non renderanno la giustizia giusta ma la renderanno più giusta e aiuteranno la strada delle riforme condividi con questo commento
I quesiti in parte si sovrappongono alla riforma Cartabia. Rappresentano quindi un pungolo affinché governo e parlamento prendano la giustizia davvero sul serio condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni