Position Paper – Delega ambientale: un passo indietro

Questo Position Paper sottolinea l'esigenza di garantire alle imprese un ambiente normativo stabile e attento alla comparazione dei costi e dei benefici (ambientali ed economici) della regolamentazione.


In un forum promosso dalla rivista Formiche e dall’Istituto Bruno Leoni si è discusso della necessità di individuare un percorso il più largamente condiviso che possa approdare a ragionevoli e necessarie modifiche al testo voluto dal ministro Pecoraro Scanio.

Secondo l’ Istituto Bruno Leoni, il quadro generale che emerge dallo schema di decreto è infatti motivo di grande preoccupazione, soprattutto per quanto riguarda rifiuti e bonifiche. Si fa un passo indietro lungo quindici anni e si torna ad una situazione di totale confusione ed incertezza giuridica. Regole inapplicabili, restrittive rispetto alla normativa comunitaria e talvolta in contrasto con le sentenze della Corte europea di giustizia. Tutto a costi inaccettabili. Si penalizza l’industria italiana e si colpisce la sua capacità competitiva nei confronti dei concorrenti europei.

Il decreto pone in essere una complicazione dei passaggi burocratici, con scarso o nessun riguardo alla capacità effettiva del quadro legislativo di prevenire, disincentivare o sanzionare tali problemi. Questo approccio induce a trattare le imprese come inquinatori fino a prova contraria.

Position Paper – Delega ambientale: un passo indietro

Le imprese sono inquinatori. E sta a loro dimostrare il contrario condividi con questo commento
Proteggere l’ambiente creando caos normativo condividi con questo commento
Italian environmental law? Foreign competitors say thank condividi con questo commento
oggi, 25 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni