Policy Paper – Uscire dalla crisi. Un’agenda di privatizzazioni

Le privatizzazioni degli asset pubblici possono produrre un doppio dividendo: più concorrenza e meno debito pubblico. Privatizzare non è più un’opzione: è una necessità.


23 Agosto 2011

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

IBL

L’Istituto Bruno Leoni esprime soddisfazione per l’intendimento, espresso dal Governo, di procedere con un programma di dismissioni di asset pubblici per abbattere il debito pubblico.
È importante però che un nuovo programma di privatizzazioni sia serio e ben congegnato, e che abbia come obiettivo non solo la massimizzazione del gettito, ma anche la creazione di condizioni concorrenziali sul mercato. L’IBL propone al Governo di seguire i dieci comandamenti delle buone privatizzazioni:

  1. Ognuno venda il suo
  2. Completare la liberalizzazione dei mercati prima di vendere gli incumbent
  3. Rompere i monopoli
  4. Verificare l’esistenza di economie di scala
  5. Cedere integralmente gli asset
  6. Effettuare i collocamenti sempre e solo tramite gara
  7. Non porre limiti alla conduzione delle attività post-privatizzazioni
  8. Costruire fondi piccoli, omogenei e solo nel caso siano necessari
  9. Non impedire la partecipazione straniera
  10. Vendere solo a soggetti privati

Uscire dalla crisi. Un’agenda di privatizzazioni condividi con questo commento
Privatizzazioni: più concorrenza e meno spesa per interessi condividi con questo commento
End the crisis by a privatisations agenda condividi con questo commento
oggi, 15 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni