Perché la fine della net neutrality non è la fine di internet

L’abolizione della “neutralità” danneggerà consumatori e innovazione?


29 Dicembre 2017

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Massimiliano Trovato

scarica la ricerca integrale

Lo scorso 14 dicembre, la Federal Communication Commission americana ha disposto il superamento delle regole sulla neutralità della rete – introdotte appena due anni fa – generando nel pubblico reazioni veementi, che si sono propagate anche in Europa. È opportuno mettere ordine in un dibattito eccezionalmente animato e di delineare l’impatto della decisione sui molteplici piani degli investimenti, della concorrenza e della tutela di cittadini e utenti.

La battaglia per la neutralità della rete ha accreditato sotto una comune bandiera pretese molto diverse e non necessariamente compatibili tra loro, ma cela al fondo la mancata comprensione del principio della discriminazione di prezzo e un’ingiustificata sfiducia nella capacità delle forze di mercato di ricomporre anche nel settore dell’accesso a internet gli interessi confliggenti degli attori.

La decisione della FCC non danneggerà i consumatori, l’innovazione o la democrazia americana, ma semmai costringerà a un compromesso poco gradito gli operatori over-the-top – che però dovrebbero aver imparato sulla propria pelle come la nozione di neutralità (della ricerca, per esempio, o delle piattaforme) possa rivelarsi problematica.

Perché la fine della net neutrality non è la fine di internet

La #netneutrality vorrebbe garantire interessi – libertà d’espressione, concorrenza, innovazione, tutela del consumatore – diversi e non necessariamente compatibili tra loro. Purtroppo, le pretese dei suoi sostenitori non reggono al vaglio della realtà. condividi con questo commento
No, non tutti i pacchetti sono creati uguali: anche su internet, "la discriminazione di prezzo estende l’accesso a beni e servizî alle fasce meno abbienti dei consumatori, ampliando l’offerta e redistribuendo risorse in direzione progressiva". #netneutral condividi con questo commento
The end of #netneutrality isn't "the end of the internet as we know it” and it won’t hurt innovation or consumers—much less American democracy condividi con questo commento
oggi, 17 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni