OP 83. Una lezione sulla densità di potenza

Come valutare la dimensione spaziale della transizione alle fonti energetiche rinnovabili? Smil dimostra che le fonti rinnovabili, a parità di energia prodotta, implicano un impiego di terreno molto più vasto rispetto alle fonti convenzionali.


23 Settembre 2011

Argomenti / Ambiente e Energia

Vaclav Smil

scarica la ricerca integrale

Vaclav Smil (Professore all’Università del Manitoba) ritiene che per capire le transizioni energetiche, e in particolare la possibilità di una transizione dalle fonti fossili a quelle rinnovabili, occorre fare ricorso al concetto di “densità di potenza”, che aiuta a cogliere la dimensione spaziale dei sistemi energetici.

Nell’acceso dibattito internazionale è da tenere in mente che le fonti rinnovabili, a parità di energia prodotta, implicano un impiego di terreno molto più vasto rispetto alle fonti convenzionali. Infatti, le nuove infrastrutture energetiche andrebbero a coprire aree dalle dieci alle mille volte più vaste delle infrastrutture che vengono oggi destinate all’estrazione e alla combustione di combustibili fossili per generare elettricità. Una svolta simile non potrebbe che presentare enormi ostacoli di natura normativa (valutazione di impatto ambientale delle aree interessate, diritto di passo per le reti di trasmissione e tutti gli inevitabili ricorsi legali che ciò causerebbe), tecnica e logistica.

OP 83. Una lezione sulla densità di potenza

Come valutare la dimensione spaziale della transizione alle fonti energetiche rinnovabili condividi con questo commento
Quanto terreno occupano le fonti rinnovabili? (Molto più di quelle tradizionali) condividi con questo commento
How much soil do renewable resources need, compared to traditional ones? condividi con questo commento
oggi, 31 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni