OP 51. Perché non si fanno i termovalorizzatori. 12 anni dopo la risposta è la stessa

La crisi dei rifiuti a Napoli non è altro che il prevedibile esito di una catena di non-scelte degli ultimi due decenni.


L’analisi del problema, così come l’indicazione delle soluzioni, era già presente in un intervento di Corrado Clini (già Ministro dell’Ambiente), pubblicato per la prima volta nel 1995.

Tutti sapevano che sarebbe andata a finire in questo modo: a questo punto bisogna trarre dalla crisi la forza per accelerare quelle riforme necessarie a evitare casi simili in futuro. Occorre, quindi, rompere questo circuito, con norme chiare da un lato, ma consentendo dall’altro all’impresa di investire (cioè di far funzionare il mercato, di far funzionare il rischio di investimento), ed inserendo ancor più elementi di mercato nello smaltimento dei rifiuti, semplificando gli iter autorizzativi per impianti come i termovalorizzatori, e fermando urgentemente il flusso di denaro pubblico che, negli anni, ha oliato inefficienze e malaffare.

OP 51. Perché non si fanno i termovalorizzatori. 12 anni dopo la risposta è la stessa

Perché non si fanno i termovalorizzatori condividi con questo commento
Il peso delle troppe leggi ferma i termovalorizzatori condividi con questo commento
Too many laws entangle Italy energy polciies condividi con questo commento
oggi, 25 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni