OP 47. L’eterno ritorno dei problemi postali

Il problema del carattere distorsivo delle agevolazioni tariffarie per l’invio delle stampe editoriali era già stato notato, affrontato e risolto nel 1996-98, durante il primo governo Prodi. Che fine ha fatto quella norma?


Sebbene Poste Italiane sia un servizio soggetto a libera concorrenza, continua a ricevere sovvenzioni pubbliche per il recapito agevolato di giornali e riviste. Tale materia era già stata notata, affrontata e risolta nel 1996-98, durante il primo governo Prodi, quando era stata introdotta una norma che prevedeva la cancellazione delle tariffe agevolate.

Che fine ha fatto quella norma? Un tipico esempio di come in Italia non si fanno le riforme e si disfanno le poche fatte, frutto in questo caso di un vasto consenso “multipartisan” che ha fatto piazza pulita dell’unico tentativo di rimediare ad una situazione distorsiva.

Ugo Arrigo (Professore di Finanza Pubblica all’Università di Milano-Bicocca) riporta una testimonianza inquietante di come il conservatorismo degli interessi prevalga su riforme basate su buon senso, equità e libertà.

OP 47. L’eterno ritorno dei problemi postali

Francobolli e sussidi. condividi con questo commento
L'eterno ritorno delle stesse politiche postali condividi con questo commento
Subsiding publishers to save the postal monopoly condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni