OP 46. Perché bisogna dare un prezzo alle strade

Riproduciamo la prefazione di Albertini a “Ecotassa. Perché un ticket contro il traffico non dovrebbe tassare la mobilità”, un lavoro che analizza la ’pollution charge’ e propone soluzioni alternative, per realizzare forme più compiute di “road pricing”.


3 Ottobre 2007

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Gabriele Albertini

scarica la ricerca integrale

Gabriele Albertini, dal 1997 al 2006 Sindaco di Milano, analizza la “pollution charge” che la giunta Moratti ha introdotto a Milano, proponendo soluzioni alternative, per realizzare forme più compiute di “road pricing”.

La soluzione potrebbe venire individuata in una “congestion charge”, cioè la tassa sulla congestione delle auto in città. In questo caso il ticket non andrebbe a sanzionare lo smog, ma l’ingombro. Il tentativo sarebbe di “dare un prezzo” all’occupazione di suolo pubblico con un’automobile, per rendere possibile avere un traffico più scorrevole e portando ad un miglior equilibrio fra domanda ed offerta. Il prezzo dovrebbe essere dinamico, poiché con la “congestion charge” si mira a colpire chi ingombra un suolo congestionato, ma quello stesso suolo non è congestionato in egual misura alle otto del mattino, alle tredici, o alle nove di sera.

OP 46. Perché bisogna dare un prezzo alle strade

Meglio una "congestion charge" che una "pollution charge" condividi con questo commento
L'ex sindaco Albertini: è giusto dare un prezzo alle strade condividi con questo commento
In favour of a "congestion charge" condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni