OP 43. L’antitrust e la sua imposizione ‘privata’. Un punto di vista liberale

Anthony De Jasay esamina la moralità e la convenienza delle recenti proposte dell’Unione Europea miranti a incentivare quello che l’Unione indica come “l’enforcement privato” delle leggi sulla concorrenza.


15 Giugno 2007

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Anthony de Jasay

scarica la ricerca integrale

Il filosofo politico Anthony de Jasay ipotizza la possibilità di utilizzare strumenti privatistici per dare corso alle proposte dell’Unione Europea miranti a incentivare il cosiddetto “l’enforcement privato” delle leggi sulla concorrenza. Il tentativo in atto è infatti quello di “forzare” la formazione di un regime regolatorio esterno alle logiche del mercato e delle imprese, imponendolo attraverso strumenti la cui utilità è dubbia, quale quello della class action.

Emerge come le nuove forme di regolazione, pur incontrando grande approvazione nell’opinione pubblica, sia da parte degli attori economici sia da parte dei gruppi di consumatori, siano in realtà lesive delle regole fondamentali di un ordine di mercato che non può mai essere pianificato.

OP 43. L’antitrust e la sua imposizione ‘privata’. Un punto di vista liberale

L'Antitrust in una prospettiva liberale, secondo #AnthonydeJasay condividi con questo commento
Antitrust ed eccessi di zelo condividi con questo commento
Can we justify the "private enforcement" of antitrust regulation? condividi con questo commento
oggi, 17 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni