OP 42. Una sana, vecchia Europa

Oggi sono molte le voci che annunciano un più o meno prossimo declino dell’Europa, affondata dal peso degli Stati sociali e delle burocrazie sovranazionali, dalla scarsa vitalità delle sue economie, dal peso del debito pubblico e, non ultimo, dal declino demografico causato dall’invecchiamento della sua popolazione.


7 Giugno 2007

Argomenti / Politiche pubbliche , Teoria e scienze sociali

Hans Groth

Nicholas Eberstadt

scarica la ricerca integrale

In effetti, gli ingenti impegni di spesa in campo pensionistico, uniti all’invecchiamento della popolazione e, quindi, alla riduzione percentuale della popolazione attiva, rappresentano uno dei principali problemi per il futuro. La via d’uscita potrebbe prendere le mosse dalla constatazione che gli anziani europei sono eccezionalmente sani?

Per Nicholas Eberstadt e Hans Groth è valorizzando la salute che i Paesi della “Old Europe” possono costruire un nuovo, imprevisto vantaggio competitivo, una prospettiva profondamente innovativa, fondata su un’analisi molto attenta dei trend demografici, che può illuminare le prospettive di rilancio del vecchio continente.

OP 42. Una sana, vecchia Europa

Il "baby bust" dell'Europa condividi con questo commento
Quali opportunità per un continente che invecchia rapidamente, come l'Europa? condividi con questo commento
Good, old (very old) Europe condividi con questo commento
oggi, 15 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni