OP 4. Lo scambio: un "miracolo" profano

In questo breve scritto Carlo Lottieri enfatizza l'importanza dello scambio per ogni società che voglia difendere la libertà individuale e la speranza di camminare verso un futuro civile.


22 Dicembre 2006

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Teoria e scienze sociali

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

scarica la ricerca integrale

Sebbene sia al cuore della nostra civiltà, lo scambio continua però ad essere una realtà largamente incompresa. Ma per quale motivo possiamo definire “miracoloso” lo scambio? Secondo Carlo Lottieri (Direttore del Dipartimento Teoria politica dell’Istituto Bruno Leoni) in primo luogo perché lo scambio è produttivo. Anzi: creativo. Quando ha luogo una transazione, ad essere ceduti ed acquisiti sono due beni diversamente valutati da due soggetti con preferenze distinte; la situazione che ne deriva vede una accresciuta ricchezza e un miglioramento ex post di entrambi i protagonisti dell’interazione.
Ugualmente importante è il fatto che lo scambio modifica la nostra conoscenza e moltiplica le informazioni di cui disponiamo, quella banale cessione di “cose” che è lo scambio implica in realtà molto altro: contratti, relazioni umane, mediazioni culturali.

La verità è che l’ordine degli scambi incoraggia l’emergere di un mondo quanto più è possibile basato sulla cooperazione, sul rispetto reciproco, sulla pace.

OP 4. Lo scambio: un "miracolo" profano

Ecco come la società di mercato disinnesca l'egoismo degli uomini condividi con questo commento
Scambiando, ci mettiamo gli uni al servizio degli altri condividi con questo commento
The miracle of free exchange condividi con questo commento
oggi, 28 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni