OP 31. Stato assistenziale e performance economiche

I Paesi scandinavi sembrerebbero smentire la tesi che un vasto settore pubblico abbia effetti nocivi sulle prestazioni dell'economia, ma la realtà è ben diversa.


I Paesi scandinavi sono spesso riportati come un esempio di Stati assistenziali contraddistinti al tempo stesso da elevati livelli di spesa pubblica e da economie che tuttavia rimangono in buona salute, smentendo, apparentemente, la tesi secondo cui un vasto settore pubblico ha effetti nocivi sulle prestazioni dell’economia.

Vito Tanzi (già Direttore del Dipartimento Affari Fiscali del Fondo Monetario Internazionale) ricorda però come tali Paesi abbiano pagato un prezzo salato per la fortissima espansione dei rispettivi settori pubblici, ritrovandosi obbligati ad adottare elevati livelli d’imposta che non sono in ogni caso risultati sufficienti a impedire la creazione di un forte disavanzo pubblico.

Il rendimento economico degli ultimi anni trova così spiegazione in un programma di riforme avviato nei primi anni Novanta: riduzione considerevole del livello di spesa pubblica, moderazione degli effetti disincentivanti delle altissime aliquote marginali d’imposta, attuazione di importanti correzioni di rotta e significative riforme strutturali e normative al fine di aumentare l’efficienza delle rispettive economie.

OP 31. Stato assistenziale e performance economiche

I Paesi scandinavi hanno pagato un prezzo per la crescita della spesa pubblica condividi con questo commento
Il rovescio fiscale della socialdemocrazia nordica condividi con questo commento
Nordic countries: ain't gold all that glitters condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni