OP 30. Clima di superstizione

In questo Occasional Paper, Lawson illustra i numerosi punti deboli, sotto l'aspetto scientifico, economico o anche semplicemente logico, del Protocollo di Kyoto e dei suoi assunti.


Nigel Lawson (Ministro delle finanze nel governo di Margaret Thatcher tra il 1983 e il 1989) enumera i numerosi punti deboli, sotto l’aspetto scientifico, economico o anche semplicemente logico, del Protocollo di Kyoto e dei suoi assunti. Anziché gettarsi a capofitto lungo la strada della pianificazione e del dirigismo, come comporterebbe la logica di Kyoto, sarebbe più sensato promuovere lo sviluppo economico, sola via per disporre delle risorse necessarie a mitigare gli effetti dei mutamenti climatici e per sviluppare nuove fonti di energia alternative ai combustibili fossili.

Le politiche climatiche implementate in Europa risultano costose ed inefficaci, e la sfida dei cambiamenti climatici non può essere affrontata attraverso un “piano quinquennale energetico”. È attraverso la liberazione delle forze del mercato che sarà possibile giungere a delle condizioni migliori per la crescita economica sia nei Paesi in via di sviluppo che in quelli industrializzati: è grazie alla libertà economica e alla creazione di ricchezza che ci si può aspettare la necessaria evoluzione verso tecnologie sempre più pulite.

OP 30. Clima di superstizione

La teoria del "cambiamento climatico” e l'abuso delle certezze condividi con questo commento
Se il clima diventa una nuova religione condividi con questo commento
Climate models are not the Bible condividi con questo commento
oggi, 22 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni