No, le ferrovie non salveranno il pianeta

I risultati in termini di trasferimento modale e riduzione delle emissioni sono stati modesti


13 Luglio 2021

Argomenti / Ambiente e Energia , Politiche pubbliche

Francesco Ramella

Research fellow, IBL e docente di Trasporti, Università di Torino

scarica la ricerca integrale

Non saranno le ferrovie a salvare il clima. Anzi, l’eccesso di investimenti nel trasporto su ferro rischia di distogliere risorse preziose da altri utilizzi che potrebbero dare un contributo molto più importante alla riduzione delle emissioni.

Nel periodo 2001-2015 gli Stati membri dell’Unione europea hanno speso nelle ferrovie oltre 70 miliardi di euro annui, per un flusso cumulato superiore ai mille miliardi di euro. Ma i risultati in termini di trasferimento modale e riduzione delle emissioni sono stati modesti. Scrive Ramella: “il costo per tonnellata di CO2 abbattuta al netto della riduzione delle entrate fiscali con la realizzazione di nuove linee AV varia tra un minimo di 850 euro e un massimo di 7.770 euro ossia un ammontare da otto a settantasette volte il costo esterno stimato dalla UE pari a 100 euro”. Inoltre, “Un ipotetico raddoppio della estesa delle linee AV comporterebbe in uno scenario ottimistico di traffico iniziale e di sua crescita, un taglio delle emissioni del trasporto stradale inferiore all’1 per cento (e ancor più limato qualora si considerino anche quelle del trasporto aereo)”.

No, le ferrovie non salveranno il pianeta

Nel periodo 2001-2015 l’Unione europea ha speso nelle ferrovie oltre 70 miliardi di euro annui, per un flusso cumulato superiore ai mille miliardi di euro. Con quali risultati su traffico ed emissioni? condividi con questo commento
Nonostante gli enormi sussidi nella UE tra il 1995 e il 2018 la quota di mercato della ferrovia è rimasta invariata per le persone e si è ridotta per le merci Che senso ha continuare così? condividi con questo commento
Il costo per tonnellata di CO2 abbattuta grazie alle nuove linee AV è stimabile tra 850 e 7.770 euro: con le stesse risorse si potrebbero tagliare tra 16 e 150 tonnellate in altri settori dell’economia condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni