Meno oneri in bolletta: Come rendere il Decreto Rilancio più semplice ed equo

Sospendere le accise e allargare il bonus per le famiglie


2 Giugno 2020

Argomenti / Ambiente e Energia , Politiche pubbliche

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

Renato Pesa

scarica la ricerca integrale

Il Decreto Rilancio riduce gli oneri in bolletta per le Pmi, ma lo fa in modo complesso e potenzialmente iniquo. Sarebbe più semplice sospendere le accise e allargare l’accesso al bonus elettrico, gas e idrico.

La sospensione delle procedure per distacco rischia di far crescere la morosità e creare ulteriori problemi ai venditori di energia, senza risolvere quelli dei consumatori. Infatti, la riduzione delle bollette è stimabile appena nell’ordine del 3 per cento su base annua. L’operazione serve a dare sollievo alle piccole imprese e in particolar modo a commercianti e artigiani, e si inserisce in un più ampio ventaglio di iniziative volte a detassare o scontare gli importi necessari al pagamento delle utenze, dei canoni di locazione, di specifiche tipologie di beni, e così via. Ma il denaro è fungibile: non sarebbe stato più semplice, rapido ed efficace prevedere semplicemente dei trasferimenti a favore della totalità dei consumatori (o di gruppi più ridotti), o – ancora meglio – una sospensione temporanea delle accise?

Meno oneri in bolletta: Come rendere il Decreto Rilancio più semplice ed equo

C’è un modo semplice ed equo per alleggerire la bolletta elettrica: sospendere le accise e allargare il bonus per le famiglie. Le attuali misure valgono solo il 3 per cento della spesa annua condividi con questo commento
Il Governo e l’Arera hanno scaricato sui venditori di energia il rischio morosità: attenzione a non colpire l’anello debole della filiera energetica per dare un beneficio limitato ai consumatori (appena il 3 per cento) condividi con questo commento
Il Decreto Rilancio taglia (poco) gli oneri in bolletta ma lascia costi, distorsioni e incertezze: una proposta per aggiustare il tiro condividi con questo commento
oggi, 25 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni