L'Iva suona sempre due volte

L'esenzione per i prodotti business a favore di Poste Italiane costa 16 milioni di euro ai contribuenti


11 Dicembre 2019

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Veronica Cancelliere

Progetti, ricerca, eventi

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

Eliminando l’esenzione dall’Iva per i prodotti business del servizio postale universale, si potrebbe promuovere la concorrenza e generare circa 16 milioni di euro di gettito addizionale.

L’esclusione dall’esenzione Iva dei prodotti negoziati individualmente, accolta nell’ordinamento nel 2014, non ha sortito gli effetti sperati. Inoltre, questa agevolazione fiscale ha lungamente consentito condotte opportunistiche da parte di Poste Italiane, che sono state solo recentemente identificate, sanzionate e interrotte grazie all’intervento dell’Antitrust.

Se l’esenzione Iva trova una giustificazione rispetto alla clientela retail non vi è alcuna ragione per mantenerla con la clientela business, in particolare in presenza di servizi quali la posta massiva.

Per questa ragione, il perimetro di esenzione Iva va limitato alla sola clientela retail: in tal modo, tutti i concorrenti potrebbero competere ad armi pari, in quanto tutti sarebbero soggetti alla medesima disciplina fiscale, e si potrebbe generare un gettito addizionale per l’erario stimabile in 16 milioni di euro nel 2020.

L'Iva suona sempre due volte

Non c'è concorrenza se Poste non paga l'Iva: per questo l'esenzione Iva per i prodotti postali business va cancellata condividi con questo commento
Eliminare l'esenzione Iva per i prodotti business di Poste potrebbe generare un gettito addizionale di 16 milioni di euro nel 2020 condividi con questo commento
Completare la liberalizzazione postale: bisogna applicare le stesse regole fiscali a tutti gli operatori, a partire dall'Iva condividi con questo commento
oggi, 18 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni