L’eterno ritorno del Piano Banda larga

Il piano del governo sulla banda larga non deve avere la pretesa di imporre scelte tecnologiche o, peggio ancora, discriminare tra operatori.


9 Marzo 2015

Argomenti / Politiche pubbliche

Rosamaria Bitetti

Fellow, IBL e ricercatrice in Analisi delle Politiche Pubbliche, Università LUISS Guido Carli

scarica la ricerca integrale

Qualsiasi “piano” per la banda larga deve tenere conto del fatto che si tratta di un settore privatizzato, e in cui le risorse per gli investimenti devono necessariamente provenire da privati. L’intervento deve quindi conciliarsi con esigenze concorrenziali, come previsto dall’Unione Europea. L’intervento pubblico deve avere una funzione sussidiaria e il meno distorsiva possibile nelle zone dove si può creare un mercato, orientando le risorse scarse agli utenti in digital divide piuttosto che a sovvenzionare gli early adopter. Per pensare politiche pubbliche che non sprechino risorse e distorcano la concorrenza, è necessario raccogliere e rilasciare dati sulle infrastrutture e sul mercato in maniera trasparente. Bisogna superare un approccio unidimensionale al problema della domanda: non basta finanziare le infrastrutture o sovvenzionare il consumo, il governo deve impegnarsi affinché internet sia effettivamente utile per i cittadini, rilasciando open data e digitalizzando la pubblica amministrazione.

L’eterno ritorno del Piano Banda larga

Gli investimenti pubblici in banda larga dovrebbero riguardare solo le aree più svantaggiate condividi con questo commento
La banda larga: lo Stato non deve imporre scelte tecnologiche o discriminare tra operatori condividi con questo commento
Broadband: government shouldn’t pick winners condividi con questo commento
oggi, 17 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni