Le clausole di Damocle e la salvaguardia dell'equilibrio finanziario

Nate per garantire l’equilibrio finanziario delle leggi, spesso sono state utilizzate per rinviare il prezzo e la responsabilità di scelte politiche difficili


17 Settembre 2015

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Giacomo Lev Mannheimer

scarica la ricerca integrale

Nate per garantire l’equilibrio finanziario delle leggi, le clausole di salvaguardia (che, se non disinnescate, potrebbero far aumentare le tasse – Iva e accise – per quasi 20 miliardi nel 2016 e più di 25 dal 2017) spesso sono state utilizzate per rinviare il prezzo e la responsabilità di scelte politiche difficili.
Nell’utilizzare le clausole di salvaguardia il legislatore ha spesso tradito, o comunque frainteso, le ragioni di fondo per cui tali strumenti sono stati creati, finendo per scaricare sul domani, e magari su un altro governo, l’onere dei tagli di spesa o la responsabilità degli aumenti di tasse ivi previsti.
La conseguenza è il totale scollamento temporale, e quindi anche psicologico/elettorale, tra il momento in cui viene assunta una determinata decisione di politica economica e quello in cui tale decisione dispiega i propri effetti; il che incide non solo sulla finanza pubblica, ma anche e soprattutto sul corretto funzionamento del sistema democratico.

Le clausole di Damocle e la salvaguardia dell'equilibrio finanziario

Le clausole di salvaguardia: un circolo vizioso da interrompere condividi con questo commento
In assenza di precise regole di bilancio, le clausole di salvaguardia minacciano la democrazia condividi con questo commento
The misuse of the government’s budget rules can be threaten democracy condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni