La tassazione dei digital giants

È necessario ripensare alcuni aspetti della tassazione a livello internazionale.


22 Novembre 2023

Argomenti / Politiche pubbliche

Alessia Sbroiavacca

scarica la ricerca integrale

La tassazione delle imprese online solleva delle sfide ma il proliferare di misure unilaterali nei paesi europei non è una soluzione.

Lo studio spiega che le imprese digitali si differenziano da quelle tradizionali perché ricavano la maggior parte dei propri utili dalla vendita di servizi online o dall’esercizio di diritti immateriali. Quindi i sistemi tributari tradizionali hanno dei problemi nel definirne precisamente gli utili: la discussione in sede Ocse punta proprio ad affrontare queste questioni.

Ma le tante webtax nazionali creano più problemi di quanti ne risolvano: “Nelle more del raggiungimento di accordi sovranazionali, diversi Paesi hanno agito in autonomia, introducendo nei propri ordinamenti fiscali norme ad hoc in via unilaterale le quali, tuttavia, espongono i contribuenti ad ulteriori rischi ed incertezze. Anche la Commissione Europea si è espressa nel senso di rallentare l’approccio statale favorendo soluzioni concordate”, non da ultimo perché esse pongono un serio rischio di “frammentare il mercato unico, aumentare l’incertezza fiscale, destabilizzare la parità di condizioni e aprire nuove scappatoie per gli abusi fiscali”.

La tassazione dei digital giants

Paese che vai, tassazione digitale che trovi: ma questi tributi sono davvero efficaci? condividi con questo commento
La peculiarità delle imprese digitali richiede di ripensare alcuni aspetti della tassazione a livello internazionale: ecco come condividi con questo commento
Se ogni Stato membro adotta una sua tassa dei ricavi digitali, si rischia di frammentare il mercato unico ai danni di contribuenti e consumatori condividi con questo commento
oggi, 13 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni