La Prima Guerra Mondiale quale tracollo della civiltà

Un secolo fa il mondo era immerso nella guerra più ampia e sanguinosa che l'umanità avesse mai sperimentato sino a quel momento. Come scrisse nel 1919 Ludwig von Mises: "con la guerra mondiale l’umanità entrò in una crisi per cui niente di ciò che era acc


2 Febbraio 2016

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Beniamino Di Martino

scarica la ricerca integrale

Un secolo fa il mondo era immerso nella guerra più ampia e sanguinosa che l’umanità avesse mai sperimentato sino a quel momento. In questo Occasional paper, Beniamino Di Martino (Direttore della rivista “StoriaLibera”) analizza tale evento alla luce della lettura che ne ha dato la “Scuola austriaca”.
La “Scuola austriaca”, muovendo le proprie origini dalla prospettiva del marginalismo economico di Carl Menger, è stata in grado di offrire contributi preziosi in molti campi delle scienze sociali. Il cosiddetto “individualismo metodologico” si è infatti rivelato adeguato ad essere applicato a svariati fenomeni complessi, identificando il veleno dell’ideologia che si annida in ogni tentativo di sostituire l’individuo con la collettività e riconducendo a questo errore le terribili catastrofi della storia.

La Prima Guerra Mondiale quale tracollo della civiltà

L’individualismo metodologico quale grimaldello per leggere l’intera storia umana condividi con questo commento
La grande catastrofe e il veleno dell'ideologia collettivista condividi con questo commento
WW1: the Crisis of Humanity condividi con questo commento
oggi, 28 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni