La liberalizzazione della vendita dei farmaci di fascia C e gli infondati timori per la salute

Dietro alle polemiche sull’apertura del mercato dei farmaci “non essenziali” a parafarmacie e corner GDO sembrano celarsi non rischi per la salute pubbliche, quanto piuttosto rendite di posizione


17 Febbraio 2015

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Giacomo Lev Mannheimer

scarica la ricerca integrale

Fra i temi che accompagnano i progetti di liberalizzazione della nostra economia, sin dalle “lenzuolate” del 2006, l’apertura a parafarmacie e corner GDO per quanto riguarda la vendita dei farmaci di fascia C è sempre stato un “evergreen”.
Tutti i tentativi per liberalizzare la vendita dei farmaci di fascia C sono falliti, soprattutto a causa della resistenza portata avanti con forza dai rappresentanti delle farmacie. Il cittadino non avrebbe nulla da temere acquistando un farmaco in una parafarmacia: quest’ultimo sarebbe ugualmente prescritto con ricetta medica e venduto da un farmacista abilitato, esattamente come accadrebbe se acquistasse lo stesso medicinale in farmacia.
La rete di farmacie regolata da rigidi criteri di programmazione territoriale esistente tutt’oggi garantisce certamente l’indotto dei loro titolari; non, invece, i cittadini, alla cui domanda di salute corrisponde un’offerta resa deliberatamente contingentata e costosa.

La liberalizzazione della vendita dei farmaci di fascia C e gli infondati timori per la salute

Liberalizzandola, la vendita di farmaci di fascia C avverrebbe sempre tramite farmacisti abilitati condividi con questo commento
La liberalizzazione della vendita dei farmaci di fascia C e gli infondati timori per la salute condividi con questo commento
Liberalised sale of unessential drugs out of pharmacies wouldn’t jeopardize consumers’ protection condividi con questo commento
oggi, 22 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni