La goccia che non fa mai traboccare il vaso. Il caso Alitalia

Finanziare Alitalia, sin qui, non è stato un grande successo


3 Maggio 2017

Argomenti / Economia e Mercato , Politiche pubbliche

Andrea Giuricin

scarica la ricerca integrale

Con altri 600 milioni di euro il Governo è intervenuto nuovamente a sostegno di Alitalia. Ma il mercato italiano, nonostante la crisi infinita di Alitalia, è quasi triplicato in circa vent’anni.

Alitalia e i suoi commissari dovranno confrontarsi con un panorama alquanto complesso e con una situazione della compagnia sempre più complicata. Ma la permanenza degli aerei Alitalia a solcare i cieli non è affatto necessaria: come dimostrano anche il caso Windjet in Sicilia o Malev in Ungheria, nel momento in cui viene a mancare un operatore principale, Ryanair e le altre low cost riescono di solito a sostituire molto velocemente le rotte abbandonate. Inoltre, se si ritenesse che un territorio svantaggiato economicamente abbia bisogno di un collegamento, è possibile fare un onere di pubblico servizio (OPS) con una gara trasparente per vedere chi opererà sulla rotta “svantaggiata”.

Investire soldi pubblici (a tassi di mercato per evitare di ricadere negli aiuti di Stato) è dunque un grande azzardo. Anche perché non è la prima volta che il contribuente è chiamato a finanziare Alitalia e, sin qui, non è stato un grande successo.

La goccia che non fa mai traboccare il vaso. Il caso Alitalia

Dal 2015, #Alitalia non è stata in grado di competere e ha peggiorato continuamente la propria posizione condividi con questo commento
Non è la prima volta che il contribuente è chiamato a finanziare #Alitalia e, sin qui, non è stato un grande successo condividi con questo commento
An Italian national champion is unnecessary: low-cost carriers could easily fill #Alitalia’s role in its domestic and international routes condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni