Il futuro delle concessioni demaniali marittime in Italia: un riordino necessario

I concessionari hanno fatto costante affidamento sulle proroghe, trattando lo spazio concesso, di fatto, come loro proprietà


21 Febbraio 2017

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Francesco Bruno

scarica la ricerca integrale

Tra pochi mesi riprenderà la stagione estiva e tornerà attuale la questione delle concessioni demaniali marittime. I concessionari hanno fatto costante affidamento sulle proroghe, trattando lo spazio concesso, di fatto, come loro proprietà. La stabilizzazione delle deroghe, oltre ad essere deleteria per la certezza del diritto e limitativa della concorrenza, è stata anche giudicata contraria alle norme europee sui servizi.

In questo Briefing Paper vengono esaminati questi tre profili, proponendo passaggi e procedure per riordinare il sistema delle concessioni demaniali, aprendolo alla concorrenza e salvaguardando gli investimenti e la professionalità che sono stati investiti nel settore, in una prospettiva di mercato e trasparenza delle aggiudicazioni.

Gli operatori del settore possono guardare alle possibilità che offrirà la nuova eventuale disciplina competitiva e prepararsi al cambiamento, anche nel rispetto della normativa antitrust.

Il futuro delle concessioni demaniali marittime in Italia: un riordino necessario

concessioni demaniali marittime: a che punto è il riordino? condividi con questo commento
apertura alla concorrenza e concessioni balneari: un binomio possibile condividi con questo commento
seaside state property concessions: is competition possible? condividi con questo commento
oggi, 20 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni