Gli orari di apertura dei negozi: una regola che vale un principio

Dietro questa piccola regola di dettaglio si nasconde la conferma o la smentita di un principio più ampio, quello alla libertà di concorrenza.


31 Luglio 2014

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Serena Sileoni

Da due anni in Italia gli orari dei negozi sono determinati liberamente dagli esercenti. La liberalizzazione degli orari di apertura è uno strumento di promozione della concorrenza incoraggiato dall’Antitrust e rientrante nelle politiche di razionalizzazione degli oneri delle attività economiche che la Corte costituzionale ha ritenuto utili all’economia nazionale. A prescindere dagli effetti sull’economia, poter scegliere quando stare aperti o chiusi è espressione della libertà di iniziativa economica e, come tale, va garantita. Mentre vi è l’interesse generale a rispettare un principio del nostro ordinamento, quello alla libertà della concorrenza, non vi sono interessi superiori che rendono necessaria la regolazione degli orari. Il rispetto delle festività nazionali, la tutela dei lavoratori dipendenti, la protezione degli esercizi di vicinato sono infatti interessi la cui garanzia, laddove esistente, prescinde dalla libertà degli orari.


Gli orari di apertura dei negozi: una regola che vale un principio condividi con questo commento
Non torniamo indietro sulla liberalizzazione degli orari condividi con questo commento
Liberalization of shop opening hours: let’s keep freedom condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni