Focus Speciale

Cambiare la prima parte della Costituzione? Lo ha proposto Franco Debenedetti in un articolo sul quotidiano il Riformista. A partire da quell’intervento, l’Istituto Bruno Leoni ha chiesto a tre importanti intellettuali – Carlo Lottieri, Giorgio Rebuffa e Vito Tanzi – di discutere le tesi di Debenedetti in un Focus.


12 Agosto 2006

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Teoria e scienze sociali

Franco Debenedetti

Presidente, Fondazione IBL

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

Giorgio Rebuffa

Vito Tanzi

scarica la ricerca integrale

La provocazione di Franco Debenedetti riapre ed amplia un dibattito che non deve essere chiuso dall’esito dell’ultimo referendum: quello sulla Costituzione italiana, tutta, sia come strumento che come enunciazione di principi.

La nostra Costituzione non riconosce la libertà economica. Pur consapevoli che questa riflessione non è destinata ad avere conseguenze politiche immediate, un dibattito come questo può servire a definire le identità di quanti partecipano alla discussione pubblica. È del tutto evidente che per chi crede nella libertà individuale, la Costituzione non possa essere un tabù.


Che sia venuto il momento di cambiare la prima parte della Carta Costituente? condividi con questo commento
Mettere mano alla Costituzione non deve essere un tabù condividi con questo commento
Italy needs a Constitution that recognize economic freedom condividi con questo commento
oggi, 12 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni