Focus 94. Perché i poveri devono schierarsi con il principe del Liechtenstein

Dietro lo "scandalo" di questi giorni sui conti nelle banche del Lichtenstein, è evidente la volontà di mettere in discussione la concorrenza tra istituzioni e l'esistenza stessa dei paradisi fiscali.


3 Marzo 2008

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Economia e Mercato , Politiche pubbliche

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

scarica la ricerca integrale

Il venir meno della competizione tributaria e della mobilità dei capitali avrebbe conseguenze disastrose per l’economia europea e finirebbe per danneggiare in maniera significativa proprio i ceti più deboli.

E’ grazie all’esistenza di sistemi tributari meno esosi di quello tedesco, francese o italiano che i governanti di questi Paesi ad alta tassazione sono costretti a moderare un poco le loro pretese. Ridurre la concorrenza fiscale, allora, farebbe crescere ulteriormente la quota di ricchezza – già altissima – che oggi in Europa il ceto politico-burocratico sottrae all’economia reale e agli investimenti privati.

Focus 94. Perché i poveri devono schierarsi con il principe del Liechtenstein

Perché i poveri devono schierarsi con il principe del Liechtenstein condividi con questo commento
I paradisi fiscali esistono perché ci sono gli inferni fiscali, che sono il vero problema condividi con questo commento
Tax heavens are not a problem, the problem are the "tax hells" condividi con questo commento
oggi, 20 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni