Focus 91. La situazione dei teatri lirici italiani

Troppo spesso si sente sostenere che un intervento dello Stato rappresenterebbe l'unica maniera di finanziare la musica classica, in generale, e i teatri lirici, in particolare, quando a libertà d'impresa può favorire lo sviluppo dell'arte musicale.


Troppo spesso si sente sostenere che un massiccio intervento dello Stato rappresenterebbe l’unica possibile maniera di finanziare la musica classica, in generale, e i teatri lirici, in particolare. Oggi iniziamo invece a comprendere che aver progressivamente espulso dall’arte e dai teatri lo spirito dei vecchi impresari e imprenditori (basti pensare alla famiglia Ricordi) ha avuto conseguenze assai gravi.
Lo statalismo continua però ad influenzare significativamente. Oltre a questioni di legittimità (dato che oggi chi non mette mai piede alla Scala la finanzia con le proprie tasse), è la stessa preoccupazione per le sorti di questa “musa bizzarra e altera” che deve spingere verso soluzioni di mercato.
Tanto la storia della lirica quanto l’analisi del presente ci aiutano a capire che la libertà d’impresa può favorire lo sviluppo dell’arte musicale, anche se l’attuale ordinamento dei teatri lirici sembra pensato per tenere lontani quei mecenati che sarebbero interessati a sostenerla in vario modo.

Focus 91. La situazione dei teatri lirici italiani

Davvero lo Stato è l'unica possibile maniera di finanziare la musica classica? condividi con questo commento
La situazione dei teatri lirici italiani condividi con questo commento
Are taxpayers the only way to finance classical music? condividi con questo commento
oggi, 25 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni