Focus 86. Aumenti di prezzo? Non con questi metodi …

Gli aumenti delle tariffe ferroviarie riflettono l'inefficienza del monopolista pubblico e non sono giustificati da un reale miglioramento del servizio. L'aspetto fondamentale resta l'assenza di una reale liberalizzazione del settore ferroviario.


Annunciati aumenti delle tariffe ferroviarie riflettono l’inefficienza del monopolista pubblico dei trasporti su rotaia e non sono giustificati da un reale miglioramento della produttività o della qualità del servizio.
Nel Focus, si confrontano le tariffe sulla principale linea italiana, la Milano-Roma, con quelle di una tratta comparabile in Francia, la Parigi-Marsiglia. La conclusione è che, rendendo il servizio più efficiente e adottando una politica di pricing maggiormente rispondente al rapporto tra domanda e offerta nelle diverse fasce orarie, Trenitalia potrebbe ottenere un significativo incremento dei ricavi.

L’aspetto fondamentale resta comunque l’assenza di una reale liberalizzazione del settore, che impedisce di conseguire un adeguato livello di produttività, qualità ed efficienza. Perché vi sia autentica competizione, è però necessario procedere urgentemente alla separazione della rete ferroviaria da Trenitalia, e la privatizzazione della compagnia ferroviaria di Stato. In assenza di questi provvedimenti, Trenitalia resterà ostaggio delle pressioni politiche e sindacali, con grave danno per l’azienda e soprattutto per i viaggiatori.

Focus 86. Aumenti di prezzo? Non con questi metodi …

I costi l'inefficienza del monopolista pubblico del trasporti ferroviari condividi con questo commento
Aumenti delle tariffe ferroviarie: Non con questi metodi... condividi con questo commento
The costs of Italian railway incumbent condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni