Focus 83. Il cartello della rosetta e l'intesa dell'orecchietta

Le ipotesi dell'Antitrust che esistano due cartelli, rispettivamente dei produttori di pasta e dei panificatori romani, sono surreali: non solo non esiste evidenza di tali accordi collusivi, ma neppure essi sarebbero praticamente possibili.


21 Dicembre 2007

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Rosamaria Bitetti

Fellow, IBL e ricercatrice in Analisi delle Politiche Pubbliche, Università LUISS Guido Carli

L’aspetto più incredibile delle accuse dell’Autorità è l’alto numero dei partecipanti al presunto cartello, diverse decine nel caso dei pastai, addirittura migliaia per i panificatori. La realtà è, semplicemente, che i prezzi di pane e pasta stanno aumentando ovunque, principalmente a causa della crescita dei costi delle materie prime, i quali sono a loro volta dovuti almeno in parte ai folli incentivi concessi ai carburanti vegetali. Il Garante dovrebbe dunque accusare la Commissione europea e il ministero dell’Ambiente di misure che distorcono il mercato, non imprese che operano in un mercato difficile e devono fronteggiare la concorrenza sleale dei sussidi all’agricoltura.


Il cartello della rosetta e l'intesa dell'orecchietta condividi con questo commento
Gli aumenti dei prezzi di pane e pasta e la concorrenza sleale dei sussidi all'agricoltura condividi con questo commento
The misunderstood effects of distorting subsidies to agriculture condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni