Focus 43. Ordine dei giornalisti, un'eredità fascista

Di Tizio evidenzia come l'esistenza dell'ordine dei giornalisti non sia spiegabile se non come un portato storico del regime. È importante ricordare l'origine storica di realtà come l'ordine dei giornalisti, che limita la libertà d'espressione dei singoli.


L’esistenza dell’ordine dei giornalisti non è spiegabile altrimenti se non come portato storico del regime mussoliniano. La continuità ideale tra quel periodo e quello post fascista dell’organizzazione professionale dei giornalisti è un fatto innegabile.

È importante ricordare l’origine storica di realtà come l’ordine dei giornalisti, che limitano la libertà d’espressione dei singoli andando a costituire una barriera all’entrata alla professione, inutile ed inaccettabile in una società libera. L’abolizione di questo albo è stata proposta da più parti.

Focus 43. Ordine dei giornalisti, un'eredità fascista

L'Ordine dei giornalisti è inutile ed inaccettabile in una società libera condividi con questo commento
Ordine dei giornalisti, un'eredità fascista condividi con questo commento
The Italian register of journalists in antithetic to freedom condividi con questo commento
oggi, 21 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni